Na hora certa!

Notícias atualizadas do Brasil, Portugal, Itália, Alemanha, Reino Unido e Irlanda

Não perca a chance! Clique na imagem do Curso de Italiano!

Alimentos e bebidas - Curso HACCP

Conhecer, conservar, transformar e cozinhar os alimentos da maneira correta, em conformidade com o APPCC (HACCP).

Intro

  • A22: ingressi al Brennero dimezzati rispetto ai week-end di luglio 2019
    by z.sovilla@ladige.it on julho 14, 2020 at 5:44 pm

    La ripresa dei flussi turistici che l’economia locale e nazionale auspicava in crescita progressiva dopo la riapertura dei confini scattata ai primi di luglio stenta a decollare.  Complessivamente, dopo una fase iniziale di rapido recupero al termine dei mesi del lockdown, durante i quali i volumi di traffico erano scesi anche al di sotto del 90%, si sta assistendo a una stabilizzazione negativa dei flussi nell’ordine complessivo, lungo l’intera tratta, del -30%. Negli ultimi due weekend, il numero di ingressi registrati al Brennero è stato quasi la metà di quello dei weekend corrispondenti dello scorso anno (6-7 e 13-14 luglio 2019), con percentuali negative che si ritrovano analoghe, in uscita, nelle stazioni autostradali della A22 a maggiore vocazione turistica. Nel dettaglio - riferisce Autostrada del Brennero - nelle giornate del 4,5,11,12 luglio gli ingressi di veicoli leggeri al Brennero hanno segnato rispettivamente le seguenti percentuali: -42,08%, -44,86%, -43,57%, -43,85%

  • Folgaria, auto vola fuori strada e finisce in un prato: un ferito
    by z.sovilla@ladige.it on julho 14, 2020 at 5:35 pm

    Grande spiegamento di forze, oggi, nel tardo pomeriggio, in comune di Folgaria, per gli interventi di soccorso dopo un incidente stradale, con un'auto volata fuori strada nella quale è rimasta ferita una persona. L'incidente è avvenuto alle 18 sulla provinciale che da passo Sommo porta a Forte Cherle: la vettura è finita in mezzo a un prato, dopo un volo di una decina di metri, ed è intervenuto anche l'elicottero per recuperare il ferito, un vicentino di cinquantadue anni. Sul luogo, allertati da alcuni bosciaioli che lavoravano in zona, sono accorsi i vigili del fuoco di Folgaria, gli uomini del Soccorso alpino degli Altipiani, la Croce rossa locale e i carabinieri. La persona ferita, che viaggiava da sola, è stata elitrasportata in codice rosso all'ospedale Santa Chiara di Trento: le sue condizioni sarebbero gravi ma fortunatamente non tali da far temere per la vita dell'uomo. incidente folgaria.jpeg

  • La legge sulle chiusure domenicali L'assessore Failoni risponde al Comune di Borgo: può far aprire in deroga
    by z.sovilla@ladige.it on julho 14, 2020 at 4:37 pm

    «Non comprendiamo come mai il Comune di Borgo Valsugana non abbia emesso il provvedimento di deroga per l’apertura delle attività commerciali come in sua piena e libera facoltà». Così, in una nota, l’assessore al commercio della Provincia autonoma di Trento, Roberto Failoni in riferimento alla chiusura delle attività commerciali a Borgo Valsugana durante la festa patronale. In un comunicato stampa, l’amministrazione comunale di Borgo Valsugana ha affermato come non sia stato possibile derogare alla chiusura poiché la Provincia non avrebbe rilasciato per tempo l’autorizzazione. «La legge su questo è chiarissima, sono i comuni che possono derogare all’obbligo di chiusura domenicale e festiva per un massimo di 18 giornate annue in occasione di grandi eventi o manifestazioni», commenta Failoni, precisando come la legge non prescriva alcun nulla osta da parte del Servizio commercio della Provincia  per le deroghe.

  • Aumentano i residenti in Trentino: 542.739 Grazie agli arrivi da altre regioni e dall'estero I dati confermano il calo della natalità
    by z.sovilla@ladige.it on julho 14, 2020 at 4:26 pm

    In un'Italia in piena crisi demografica, con una popolazione in continuo calo, il Trentino con l'Alto Adige è una delle pochissime zone in controtendenza. In Provincia di Bolzano si registra la maggiore crescita complessiva di residenti (+1.584) in rapporto alla popolazione, con uno 0,3% in più a fine 2019 rispetto a un anno prima, segue a ruota la provincia di Trento con una popolazione attestata al 31 dicembre scorso a 542.739 residenti, con un aumento di 1.477 unità per una percentuale dello 0,27. Una crescita che si registra anche in Lombardia e in Emilia Romagna mentre tutte le altre regioni portano il segno meno facendo calare la popolazione italiana dello 0,3%. Migrazioni. L'aumento demografico trentino va ascritto esclusivamente ai movimenti migratori in ingresso, soprattutto dalle altre regioni italiane ma anche dall'estero. In tutto i nuovi iscritti sono ben 20.404; di questi 16.455 sono italiani che si spostano da noi, prevalentemente per motivi di lavoro, ma resta consistente anche il flusso migratorio dall'estero che registra 3.249 nuovi iscritti, in aumento rispetto al 2018. Il flusso in uscita ha contato invece nel corso del 2019 in totale 18.091 persone, di cui 1.828 sono andate all'estero. Nascite in calo. Va da se che l'aumento della popolazione non è dovuto a un baby boom; al contrario anche l'anno scorso il saldo tra nati e morti è stato negativo, in provincia di Trento come in tutto il resto d'Italia con l'unica eccezione di Bolzano, che negli ultimi due anni ha invece visto un saldo positivo. In Trentino nel 2019 si sono registrati 4.239 nati vivi, in leggero calo rispetto al 2018 quando erano stati 4.353 (e un ulteriore calo è previsto anche per l'anno in corso, vedi l'articolo a pagina 14); i morti sono invece leggermente aumentati, da 5.014 a 5.075. Il saldo naturale, cioè la differenza tra nati e morti, è stata dunque di -836 unità, forte abbastanza per annullare il +780 della provincia di Bolzano e trascinare così la regione nel suo complesso in campo negativo, al pari di tutte le altre regioni italiane.La crisi di natalità, che a livello nazionale ha registrato il valore più basso dall'unità d'Italia, è attenuata solo grazie all'apporto delle comunità dei residenti di origine straniera la cui popolazione fa registrare in tutte le regioni un saldo naturale nettamente positivo con una media superiore a 8 nati ogni defunto. In Trentino gli abitanti provenienti dall'estero sono al 31 dicembre 47.888, con un aumento di 550 unità rispetto a dodici mesi prima e un'incidenza sul totale della popolazione dell'8,8%. L'incremento è dovuto in gran parte al saldo naturale con 707 nascite registrate dalle famiglie immigrate dall'estero contro 81 decessi. La percentuale di nati da famiglie straniere sul totale delle nascite in Trentino è del 16,7%. Comuni. Spuntano dati interessanti anche analizzando le tabelle relative ai singoli comuni. Da cui si scopre ad esempio che a Rovereto si sono nati pochi bambini, al punto che il saldo naturale è negativo per 132 unità, quasi il doppio rispetto a Trento dove la differenza tra nati e morti è di 76. Nonostante ciò la città della Quercia ha registrato comunque un aumento di popolazione, che ha superato quota quarantamila, grazie soprattutto a un saldo migratorio positivo per 172 unità. Una cifra questa superata solo dal capoluogo dove i nuovi residenti sono stati ben 488 in più rispetto a quanti si sono invece cancellati e sono andati a vivere altrove.Sempre per quanto riguarda il saldo naturale si segnalano in positivo, anche in rapporto alla popolazione, i comuni di Ala (+13), Besenello (+14), Caldonazzo (+13), Calliano (+12), Faedo (+14), Isera (+13). Andamento marcatamente negativo invece per Arco (-33), Cavalese (-34), Cles (-39), Fondo (-24), Grigno (-24), Mori (-28), Nomi (-30), Predazzo (-25), Riva (-39), Telve (-21), Ledro (-23), Primiero (-28).Dopo Trento e Rovereto è Riva del Garda il comune maggiormente attrattivo con un saldo migratorio positivo per 112 persone; numeri sostenuti anche ad Ala (+38), Arco (+50), Brentonico (+39), Mezzolombardo (+38), Pergine Valsugana (+35).

  • Nel week-end controlli a tappeto sulle strade del Trentino Molta attenzione ai motociclisti
    by z.sovilla@ladige.it on julho 14, 2020 at 4:08 pm

    Con l’inizio di luglio, il questore di Trento, Claudio Cracovia, ha disposto, in particolare nei fine settimana, una serie di controlli da parte della polizia di Stato, dell’arma dei carabinieri, della guardia di finanza e delle polizie locali sulle strade trentine, alcune delle quali, già teatro di numerosi incidenti stradali. Saranno controllati i tratti più esposti delle valli del trentino, come la Valsugana, val D’Adige, la Val di Non, la Val di Sole, la Val di Fassa, Val di Fiemme, Vallagarina, Alto Garda e Ledro, Val Giudicarie, Val del Chiese.La massiccia presenza delle pattuglie e la collocazione nelle zone a maggior rischio - precisa una nota del Commissariato del governo - non solo è diretta a sanzionare gli utenti che violeranno le norme del Codice della strada, ma, principalmente, mira alla dissuasione dei comportamenti illeciti o imprudenti degli utenti della strada con particolare attenzione ai motociclisti.

  • Coronavirus, calano i contagi (114) ma ci sono altri 17 morti in Italia
    by z.sovilla@ladige.it on julho 14, 2020 at 4:01 pm

    Sono 114 i nuovi contagiati da Covid nelle ultimi 24 ore in Italia, in calo rispetto ai 169 di ieri.  Le vittime sono invece 17, ancora in aumento dopo le 13 di ieri. I casi totali salgono a 243.344, i morti a 34.984. I dati sul sito della Protezione civile. Gli attualmente positivi sono 12.919, in calo di 238 rispetto a ieri. I guariti sono 195.441, con un incremento di 335 nelle ultime 24 ore.  Tornano a scendere i pazienti Covid in terapia intensiva in Italia, da 65 a 60 in 24 ore. In calo anche in Lombardia, da 30 a 27. In aumento i ricoverati con sintomi, sono 777 (+9), in isolamento domiciliare ci sono 12.082 persone, in calo di 242 unità. I tamponi tornano a salire rispetto ai minimi di ieri (meno di 24 mila): ne sono stati effettuati 41.867, mentre il totale dei test da inizio emergenza ha superato i 6 milioni, per oltre 3,6 milioni di casi testati, esclusi i tamponi ripetuti o di controllo.

  • Coronavirus, in Trentino nessun nuovo contagio
    by z.sovilla@ladige.it on julho 14, 2020 at 3:48 pm

    In Trentino per il terzo giorno consecutivo si registra un doppio zero (nessun decesso e nessun nuovo caso positivo nelle ultime 24 ore). Restano 2 i pazienti ricoverati, ma nessuno si trova in rianimazione. Sono 329, infine, i tamponi analizzati, tutti nei laboratori di microbiologia dell'Azienda sanitaria provinciale.

Exercícios de gramática

 

Deixe uma resposta

O seu endereço de e-mail não será publicado. Campos obrigatórios são marcados com *