Na hora certa!

Notícias atualizadas do Brasil, Portugal, Itália, Alemanha, Reino Unido e Irlanda

Não perca a chance! Clique na imagem do Curso de Italiano!

Alimentos e bebidas - Curso HACCP

Conhecer, conservar, transformar e cozinhar os alimentos da maneira correta, em conformidade com o APPCC (HACCP).

Intro

  • Coca Cola con filamenti di vetro otto lotti di bottigliette ritirate dal mercato in Italia e Austria
    by Zoppello on fevereiro 19, 2020 at 5:49 am

    Nella giornata di ieri (18 febbraio), il ministero della Salute ha pubblicato ben otto avvisi di richiamo per altrettanti lotti di Coca Cola, la bevanda probabilmente più conosciuta al mondo. L'avviso riguarda bottigliette in vetro da 20 cl vendute in confezioni da 6 unità. Nel motivo del richiamo si legge: “Possibile presenza di corpi estranei (filamenti di vetro)” nelle bottigliette. Ecco l'elenco completo dei lotti indicati e richiamati, che provvederemo ad aggiornare in caso di ulteriori avvisi: Coca-Cola Original Taste, lotto n° L200108, data di scadenza 07-07-2021; Coca-Cola Original Taste, lotto n° L200107, data di scadenza 06-01-2021; 1 Coca-Cola Original Taste, lotto n° L191220, data di scadenza 19-12-2020; Coca-Cola Original Taste, lotto n°L191221, data di scadenza 20-12-2020; Coca-Cola Original Taste, lotto n° L200109, data di scadenza 08-01-2021; Coca-Cola Zero Zuccheri, lotto n° L200109, data di scadenza 10-07-2020; 1 Coca-Cola Original Taste, lotto no L191219, data di scadenza 17-12-2020; Coca-Cola Original Taste, lotto no L191219, data di scadenza 18-12-2020.   I lotti provengono dallo stabilimento veronese della Cica Cola a Nogara.Come accaduto con altri richiami simili, rileva Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, è utile seguire le raccomandazioni fornite dalla multinazionale ed in particolare di “verificare il numero di lotto riportato sul collo della bottiglia: qualora corrispondesse a quelli coinvolti, vi invitiamo a non consumare la bevanda e contattare il nostro Numero Verde - 800 534 934 – per provvedere alla sostituzione“. In ogni caso, afferma lo Sportello, "ricordiamo che è sempre possibile rivolgersi al punto vendita dove si è stato acquistato il prodotto per chiedere la sostituzione o la restituzione del prezzo d'acquisto". Anche il Ministero della Salute ha riportato sul suo sito la decisione della Coca Cola di ritirare dal commercio alcune partite di bottiglie per il sospetto della presenza di frammenti di vetro. Siccome tali bottiglie erano destinate anche all’Austria alla Grecia è stata fatta la segnalazione al RASFF (Sistema di Allerta Europeo) dove non si più chiama Coca Cola , bensì “cola-flavoured carbonated drink”. Probabilmente si tratta di regole comunitarie che proibiscono di fare i nomi dei prodotti per non danneggiare le aziende. Però a un profano può risultare molto strano, rilweva il sito "Sicurezza Alimentare". 

  • La studentessa denuncia: violentata nei bagni di un locale indagini in corso a Trento
    by Zoppello on fevereiro 19, 2020 at 5:23 am

    Aggredita nel bagno di un locale pubblico di Trento da uno sconosciuto che ha abusato di lei: quella che doveva essere una notte di festa si è trasformata in un incubo per una studentessa straniera ventenne, che - tra le lacrime e in stato di shock - ha raccontato ai poliziotti che l'hanno soccorsa il dramma vissuto. Minuti che si sono trasformati in ore e che l'hanno ridotta in uno stato di profonda prostrazione. La ragazza è visitata in ospedale e ha presentato formale denuncia. Gli investigatori della squadra mobile, coordinati dalla Procura, indagano per violenza sessuale. Ieri non solo è stata sentita la vittima della violenza, ma la polizia ha voluto ascoltare le testimonianze delle persone che hanno trascorso la serata con lei e che erano nel locale. Ampio servizio sul giornale l'Adige che trovate in edicola.

  • BioNoc', dal Primiero la miglior birra "acida" d'Italia (per il quarto anno di fila)
    by Zoppello on fevereiro 19, 2020 at 4:59 am

    Non si contano più i riconoscimenti per il Birrificio BioNoc’ di Primiero. Ma questo è davvero speciale perché è il premio «Miglior birra d’Italia» nella categoria 37 (birre acide), che in questi giorni hanno vinto per la quarta volta di fila al concorso nazionale di Rimini. Con una birra «sperimentale» e assolutamente unica.Sono loro stessi a raccontare la genesi: «Succede che una mattina Fabio e Nicola (Bio e Noc’ per gli amici), si sveglino e nello stesso momento abbiano la stessa idea. Quale fantastica idea sarebbe quella di provare a far fermentare la birra in botte?Detto fatto e l’esperimento prende vita.Birra a fermentazione spontanea, fatta in botti di legno, senza nessun (o quasi) controllo, lasciata a maturare per mesi/anni, chissà cosa ne esce».Ebbene, come è finita? «Funziona, il progetto prende vita, arriva un amico a dare una mano. Nicola Coppe si mette alla guida dell’esperimento e cosa ne esce? 2017: medaglia d’oro nella categoria delle birre acide a “Birra dell’anno”!2018: medaglia d’oro nella categoria delle birre acide. 2019: medaglia d’oro nella categoria delle birre acide. Oggi hanno premiato le migliori birre dell’anno 2020 a Rimini... medaglia d’oro nella categoria birre acide a birra dell’anno! La nostra Albicoppe sbanca ancora, la più buona di sempre... Son 4 anni che in Italia nessuno trova il modo di fare queste birre meglio di noi! Grazie a tutti i nostri collaboratori in birrificio, vince ancora la nostra squadra».

  • Analisi del mercato delle mele: vendite vivaci, poche giacenze le prospettive sono molto buone
    by Zoppello on fevereiro 19, 2020 at 4:55 am

    L’11 febbraio scorso il Comitato Marketing di Assomela ha esaminato le giacenze italiane e la situazione di mercato, nonché le previsioni di produzione e di export dell’Emisfero Sud, comunicate durante l’ultimo incontro di WAPA a Berlino. In linea con quanto già accaduto in dicembre, anche le vendite del mese di gennaio sono state piuttosto vivaci, con vendite che hanno sfiorato le 196.000 tons. superando così la media dello stesso periodo delle passate quattro stagioni.  Per tutte le varietà si registra un perfetto allineamento tra de-stoccaggio e produzione. Per la Golden, la giacenza è la più bassa delle ultime dieci stagioni (escluso il gennaio del 2018) e del 15% inferiore alla media, con vendite sostenute nel mese di gennaio. Stessa situazione per la Red Delicious con uno stock di 100.000 tons, del 24% inferiore rispetto alla scorsa stagione. Le vendite di Gala in gennaio sono procedute come previsto dai piani di decumulo, esattamente come per la Granny Smith con giacenze tra le più basse degli ultimi anni e inferiori alle 54.000 tons. Buona prestazione anche per la varietà Fuji, con stocks al di sotto della media delle ultime stagioni. Per tutte le altre varietà, tra cui in modo particolare le varietà club, i piani di vendita procedono regolarmente così come inizialmente impostati.  Per comprendere le dinamiche del mercato nei prossimi mesi è utile anche osservare le previsioni di produzione dei paesi dell’emisfero sud, ma soprattutto le loro previsioni di esportazione, in modo particolare, ovviamente, verso l’Europa.    A livello produttivo, secondo i dati WAPA, la produzione dei paesi dell’emisfero sud (cfr. tabella sotto) dovrebbe essere in linea con quella degli anni precedenti, superando di poco le 5 milioni di tons. La Gala rimane la varietà principale con un raccolto che dovrebbe avvicinarsi a 2 milioni di tons, seguita da Fuji e da Red Delicious. apples 1 ura.JPG In generale, si prevede che le esportazioni rimarranno stabili, vicine a 1,7 milioni di tons. La grande differenza rispetto al passato sta però nel fatto che la quota di prodotto destinata all’Europa, come accade da qualche anno a questa parte (cfr. tabella sottostante), si prevede ulteriormente a ribasso.  apples 2 a.JPG   Valutando dunque le condizioni attuali del mercato nazionale e considerate altresì le previsioni di export da parte dei paesi dell’Emisfero Sud, per le mele italiane si confermano buone prospettive sia in Italia che all’export.  Assomela s.c. è il Consorzio delle Organizzazioni di Produttori di mele italiani che rappresenta l’80% della produzione melicola nazionale, a cui si associano le OP VOG (Marlene), VIP, VOG Products e il Consorzio FROM della Provincia di Bolzano, Melinda, “la Trentina” e Mezzacorona della Provincia di Trento, Nord Est della Regione Veneto, Melapiù della Regione Emilia Romagna, Rivoira e Lagnasco della Regione Piemonte, Friulfruct del Friuli Venezia Giulia e Melavì della Regione Lombardia.

  • Ecco un elenco di libri da leggere assolutamente
    by r.moser@ladige.it on fevereiro 19, 2020 at 4:49 am

    Ecco un elenco di libri da leggere assolutamente Caro direttore,leggo l'Adige da data immemorabile. Ascolto Prima Pagina (Radio3) e metto lei al primo posto sul podio delle migliaia di conduttori che ho seguito. Non ho perso una virgola nemmeno la scorsa settimana. Mi ha fatto uno scherzo da prete - ma la perdono - eliminando i programmi della radio anche da Monitor. Sono vecchio, P.P.C. (acronimo che vuol dire "pronto per i crisantemi"). Nei suoi commenti sempre stupendi, alla lettera di Renato Lochner pubblicata qualche giorno fa invita ad aggiungere altri titoli all'elenco dei libri che mi hanno angosciato.Eccone alcuni: Diario, di Etty Hillesum; Il cielo è rosso, di Giuseppe Berto; La Storia, di Elsa Morante; Tempo di uccidere, di Ennio Flaiano; La luna annega nel Volga, di Renzo Francescotti e anche Qualcosa da raccontare, di Luisa Gretter Adamoli.La ringrazio, la saluto con affetto e le auguro ogni bene. Dario Salsa   Ironia e gentilezza Inizio con una confessione: per un istante ho pensato di tagliare la prima parte della sua lettera. Le sue parole così generose, infatti, mi imbarazzano. Anche se, lo ammetto, mi scaldano il cuore e mi ripagano anche di tanti sacrifici, di tante notti piene di pagine e aride di sonno. Grazie, grazie, grazie. Le rivelo anche che ho pensato che in fondo, quando uno mi critica violentemente, non esito a mettere la lettera in pagina. Dunque oggi commetto, consapevolmente, un peccato di vanità e mi lascio cullare un po' dalle sue parole.Venendo invece alla seconda parte della sua lettera, le devo dire che sono davvero contento che lei abbia aderito alla mia idea/proposta, aggiungendo altri titoli (anche locali) all'elenco che ha proposto ai lettori, qualche giorno fa, Renato Lochner. Spero che questi libri non l'abbiano solo angosciata, ma anche, se mi passa quest'espressione, coinvolta profondamente. A questo punto aspetto dai lettori altri titoli, altri nomi di autori conosciuti o meno noti, altri suggerimenti, altre pagine da scoprire o riscoprire, da leggere e rileggere. Non posso non rivelarle che, mentre rispondevo a questa sua lettera, mi sono fatto una risata strepitosa leggendo che lei è un PPC. Avevo le lacrime agli occhi, leggendo del suo essere... pronto per i crisantemi e facevo persino fatica a vedere ciò che stavo cercando di scriverle. La sua ironia è bella quanto la sua gentilezza. E dà un senso al mio mestiere, alla mia voglia di raccontare, anche al dialogo che con ogni mezzo cerco di tenere vivo con ogni lettore. Mi spiace, poi, per lo scherzo da prete. Viviamo in un'epoca strana: cerchiamo di continuare ad investire, ma cerchiamo anche - com'è giusto e normale - di stare molto attenti ai conti. Dunque abbiamo cercato di realizzare un prodotto che in non troppe pagine (dunque scontentando inevitabilmente chi su Monitor vorrebbe trovare proprio tutti i programmi della tv e della radio) dia comunque un panorama davvero molto ampio dell'offerta televisiva.Facciamo però sempre tesoro di ogni vostro consiglio. Sono infine io ad augurarle ogni bene e a ringraziarla ancora. Anche per la bella risata che mi ha donato. a.faustini@ladige.it

  • I Ferragnez sul podio degli influencer, tra loro gli Autogol
    by r.moser@ladige.it on fevereiro 19, 2020 at 4:49 am

    Sono sempre i “Ferragnez” a dominare la classifica di gennaio dei primi 15 influencer, stilata da Sensemakers sulla base dei dati di Shareablee realizzata per PrimaOnLine. Ma tra moglie e marito, ovvero tra Chiara Ferragni al primo posto con The Blond Salad che conta 61 milioni di interazioni tra Fb, Instagram, Twitter, Youtube, e suo marito Fedez con 16,6 milioni di contatti, s’insinuano gli Autogol, trio comico che con le parodie calcistiche ha avuto 24 milioni di interazioni. Perde una posizione fermandosi sul sesto graidino Valentina Ferragni, sorella di Chiara, che a dicembre era quinta. La coppia più famosa della ‘sociosfera’ fa l’en plein anche nella classifica dei post più performanti di gennaio, aggiudicandosi dieci post su dieci. Il primo è un video di Fedez che fa uno scherzo cattivo alla moglie; lei non la prende bene e risponde con un insulto. In gennaio Fedez è stato anche protagonista di un botta e risposta sui social con Matteo Salvini, che non è entrato nella top ten ma è stato ripreso da molti giornali. Quarta posizione, con 7,9 milioni, per Diletta Leotta, la conduttrice della domenica sportiva di Dazn, che è stata tra i protagonisti del Festival di Sanremo (gli effetti sui social li vedremo nella prossima classifica). Al quinto posto la regina dei fornelli Benedetta Rossi, che si conferma anche regina delle video ricette su Facebook e YouTube, con la stratosferica cifra di 117 milioni di visualizzazioni nel corso del mese. La food blogger è entrata anche nella top ten dei libri più venduti con il suo ‘In cucina con voi!’, sottotitolo ‘Tutte le nuove ricette di Fatto in casa da Benedetta’, edito da Mondadori. Dopo Valentina Ferragni, settimo posto per la showgirl Giulia De Lellis, testimonial di brand della moda e della bellezza, che il 15 gennaio ha compiuto 24 anni, evento celebrato con una festa ‘a sorpresa’ dal compagno, il pilota del Moto Gp Andrea Iannone, molto commentata sui social. Ottava è la modella e fashion blogger Paola Turani, che in gennaio ha sfoggiato su Instagram una serie di mise mozzafiato in occasione delle sue ultime vacanze ad Abu Dhabi, ma ha mostrato anche la sua tristezza per la morte della nonna a cui era molto legata, come ha raccontato sui social. Nona è Alice Campello, la modella blogger, moglie di Álvaro Morata, attaccante dell’Atlético Madrid: a gennaio ha condiviso con i suoi fan i primi messaggi che si è scambiata con il calciatore quando si erano conosciuti, nel marzo 2016. Tra le new entry, al decimo posto c’è la web star 17enne Elisa Maino, diventata famosa due anni fa per essere stata la prima italiana a oltrepassare il milione di follower su Musical.ly con i suoi video musicali. All’11/o posto l’attrice Alice Pagani che interpreta la pariolina mora in ‘Baby’, la fortunata serie per Netflix diretta da Andrea De Sica. Dodicesimo gradino per Ultimo. Al 13/o posto c’è LaSabrigamer, vale a dire Sabrina Cereseto, una giovane monzese già finalista di Miss Italia cinque anni fa, grande appassionata di videogame, oggi spopola su YouTube con le sue video sfide con altri gamer. Infine, al 15/o posto c’è Gianluca Vacchi, imprenditore che gira il mondo facendo il dj e l’intrattenitore e su Instagram mette in mostra la sua prestanza fisica e la sua ricchezza.

  • Aumentano le donne cacciatrici: in Trentino da 40 a 130 "Contro di noi tanti pregiudizi"
    by Zoppello on fevereiro 19, 2020 at 4:49 am

    Le donne cacciatrici aumentano in tutta Europa, Trentino compreso. Nel 2010 nella nostra provincia erano una quarantina, oggi sono 130, ben distribuite su tutto il territorio provinciale. In Alto Adige sono ben 450. Le iscritte al Gruppo cacciatrici trentine, invece, sono una trentina (con età dai 18 ai 62 anni) e si sono ritrovate in assemblea per presentare l’adesione al Coordinamento nazionale cacciatrici di Federcaccia, nato tre mesi fa. «Vogliamo andare oltre il pregiudizio – spiega Eddi Titta, presidente del Gruppo cacciatrici trentine dalla sua fondazione, dieci anni fa, e riconfermata ieri per il terzo mandato – e spiegare che siamo volontarie del territorio, che dedicano alla natura ore e ore. Ci occupiamo di ripristino sentieri, pulizia e monitoraggio dei boschi, censimento della fauna, formazione ambientale nelle scuole. Il 18 aprile, ad esempio, organizziamo la giornata “Paladini del territorio” con iniziative di pulizia ambientale nella zona del Parco Adamello-Brenta. Ma veniamo spesso demonizzati, noi cacciatori in generale. Rispettiamo l’ambiente e lo valorizziamo, perciò chiediamo rispetto. Un rispetto che spesso manca». «La caccia al femminile – osserva l’ex presidente dei cacciatori trentini, Carlo Pezzato – ha indubbiamente contribuito a presentare in modo più elegante il nostro mondo e ad abbattere almeno qualche pregiudizio. Voi donne siete più brave a promuovere l’arte venatoria in modo attivo». «Le donne cacciatrici abbassano l’età media della nostra categoria, che è purtroppo piuttosto avanzata, di 65 anni a livello nazionale» è il commento di un altro ex numero uno dei cacciatori trentini, Sandro Flaim. Etica venatoria, socialità, spirito di comunità, presidio del territorio sono i valori incarnati dai cacciatori e da chi fa caccia al femminile per la consigliera provinciale de La Civica, Vanessa Masè: «Purtroppo, invece, assistiamo spesso a ingiusti pregiudizi, cattiverie e aggressività nei confronti del mondo venatorio, che invece ha il merito di diffondere la conoscenza della natura e la frequentazione dei boschi». L’ultima stagione della caccia è stata in linea con i prelievi previsti. E questo inverno così secco? «Per i camosci è stato un inverno felice – risponde Eddi Titta – ma se la primavera sarà troppo piovosa sarà un problema per caprioli e camosci». Il coordinamento nazionale ha dato alle stampe due manuali: uno è una guida pratica di pronto soccorso veterinario; l’altro è un libro di cucina sulla filiera corta della selvaggina.

Exercícios de gramática

 

Deixe uma resposta

O seu endereço de e-mail não será publicado. Campos obrigatórios são marcados com *